Business Angels: chi sono, come trovarli?

Home Il Blog Diritto commerciale e societario Business Angels: chi sono, come trovarli?

Business Angels: chi sono, come trovarli?

Business Angels: chi sono, come trovarli?

La figura del Business Angel può rappresentare un vero e proprio punto di svolta per tutte quelle startup in cerca di finanziamenti per avviare il proprio progetto. In Italia il fenomeno dei Business Angels, chiamati anche “investitori informali” o “Angel Investors”, è indubbiamente in larga crescita.

Ma in che modo possono essere d’aiuto alle startup innovative? Chi sono e come fare per trovarli?

Negli ultimi anni è maturata la consapevolezza di quanto sia importante investire in attività imprenditoriali innovative, non solo per mero riscontro economico, ma anche per favorire la crescita del nostro Paese. Ad oggi, infatti, l’Italia conta quasi 11 mila start up iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese, ed è proprio in questo panorama di sviluppo innovativo che entrano in gioco i Business Angel.

Cos’è un Business Angel?

I business angels sono soggetti che, ponendo massima fiducia nel progetto innovativo della start-up, scelgono di investire nella nuova attività mettendo a disposizione i propri fondi e le conoscenze acquisite, finanziandone i progetti.

Essi, in pratica, decidono di investire i propri capitali in realtà innovative, sia per ragioni di business sia per passione o semplicemente per (ri)mettersi in gioco.

Generalmente sono ex titolari di impresa, liberi professionisti, manager in pensione o ancora in attività, che scelgono di acquisire parte di una società, spesso operante in settori innovativi. Si tratta, sostanzialmente, di “uomini d’impresa”, con un cospicuo patrimonio personale ed un discreto background esperienziale, in grado di mettere a disposizione della startup le proprie conoscenze specifiche per sviluppare la nuova idea.

Tra investitore e startuppers si viene a creare un rapporto basato sulla fiducia: il Business Angel, infatti, non richiede particolari garanzie per il suo investimento. Esso, infatti, si assume il rischio di impresa, ma ha nel contempo l’interesse che il progetto riscuota successo nel medio-lungo termine; proprio per questo motivo, viene definito un investitore informale.

Questo tipo di relazione che si instaura è conveniente per entrambe le parti: l’azienda ottiene una guida a costo zero in grado di fornire un set di skills e le risorse economiche necessarie per lo sviluppo del progetto, mentre l’investitore si assicura un buon investimento, nonostante i rischi, che possa garantirgli il realizzo di plusvalenze a medio termine attraverso la vendita (parziale o totale) della partecipazione iniziale.

Quanto e quando investe un Business Angel?

L’investitore informale entra in gioco nelle prime fasi del ciclo di vita della startup, generalmente durante lo stadio seed o early stage, quando il progetto deve ancora debuttare sul mercato, oppure ha appena fatto ingresso sul mercato ed è stata misurata la traction della startup stessa.

Ma quanto denaro investe, generalmente, il Business Angel? Solitamente una cifra compresa tra un minimo di 5-10 mila euro, fino a raggiungere i 100-200 mila euro. Si tratta, chiaramente, di un dato generale ed è possibile imbattersi in Business Angel decisamente facoltosi, che scelgono di effettuare operazioni di maggiore portata.

In alcune circostanze, come ad esempio per operazioni più complesse, gli investitori informali si aggregano in club deal oppure in associazioni di Business Angel.

Come rendere appetibile il progetto di business?

Esistono delle strategie da adottare per convincere un Business Angel ad investire nel progetto? Com’è facile immaginare, gli Angel Investors ricevono molti contatti da parte di aspiranti imprenditori ed è più che lecito interrogarsi su quali caratteristiche debba avere la realtà “ideale” su cui investire.

Indubbiamente vi sono alcuni requisiti che possono rendere la startup più interessante agli occhi degli investitori. Eccone alcuni:

  • Una buona Execution – È fondamentale non dimenticare che una valida idea di business non può realizzarsi da sola! L’execution è indispensabile affinché l’idea stessa si concretizzi ed il progetto si realizzi in tutte le sue potenzialità. Prima di investire del denaro in una startup, i Business Angels devono effettuare delle valutazioni, analizzando il processo di sviluppo specifico in grado di definire e sviluppare l’idea di business nel tempo, ossia la sua Execution. 
  • Il Business Plan – Questo documento economico/finanziario rappresenta un vero piano di azione che descrive minuziosamente il progetto dell’impresa. Esso deve far emergere positivamente i punti di forza del progetto, rendendo chiaro e ad attrattivo il suo valore e la reale possibilità di essere competitivo sul mercato.
  • Un team valido – Affinché si possa definire una buona strategia che possa far decollare la startup, è indispensabile poter contare su un team vincente. L’investitore farà le proprie valutazioni, tenendo in considerazione l’esperienza, le competenze e la compattezza del team. Il Business Angel, infatti, non investe solamente nel progetto, ma anche sulle persone che ogni giorno lavorano per realizzarlo. La determinazione e la volontà dell’intera squadra sono fondamentali per conquistare gli investitori, facendoli appassionare all’idea innovativa.
  • Fare networking – Costruire relazioni e creare una rete di contatti è indispensabile per favorire lo scambio di idee, i consigli e le informazioni. In questo modo sarà più facile raggiungere i propri obiettivi ed essere notati

Come trovare un Angel Investor?

Ci troviamo nel pieno dell’era digitale e dei Social Media, ma essere presenti online ed affidarsi al web potrebbe non essere sufficiente. Per farsi conoscere e trovare un Business Angel è importante attivare tutti i canali di comunicazione, anche quelli informali.

Gli startuppers possono affidarsi alle Communities, alle conoscenze locali e ai contatti personali. Esistono dei portali specializzati che fungono da collegamento tra il neoimprenditore e il potenziale investitore.

Per chi decide di affidarsi alla rete, è possibile trovare online le più importanti associazioni riconosciute che riuniscono questi investitori. Le più note sono:

  • IBAN: Acronimo di Italian Business Angel Network. Si tratta del principale gruppo italiano degli esponenti dell’Angel investing.
  • ITALIAN ANGELS FOR GROWTH: è una community italiana di Business Angel, imprenditori e corporate che investono e sostengono le startup. Si tratta, al momento, della più grande rete del nostro Paese.
  • CLUB DEGLI INVESTITORI: è un network che conta oltre 200 Business Angels che investono in tutti i settori dell’innovazione e affiancano gli startupper nella crescita delle loro aziende.

Come prima cosa è importante approfondire le caratteristiche e le peculiarità di ogni gruppo di investitori, studiando i siti web di queste associazioni e cercando di capire quali tipologie di progetti hanno maggiori possibilità di essere finanziati. Non tutti i Business Angels, infatti, cercano le stesse cose: è importante inviare la candidatura a essere coloro che siano maggiormente affini alla propria idea imprenditoriale ed aumentare, così, le chance di costruire un business di successo.

L’importanza di un supporto legale e fiscale

Come prendere le migliori decisioni per il proprio business?

Il nostro consiglio, soprattutto nelle prime fasi, è quello di affidarsi a professionisti seri, qualificati e con provata esperienza nell’attività di consulenza alle imprese, che vi guidino con sicurezza nella scelta delle modalità di finanziamento più sicure e redditizie per la vostra strategia commerciale.

Il nostro Studio, grazie alla competenza e all’esperienza in tema di consulenza e assistenza alle start-up, sia in ambito legale che commerciale e societario:

  • fornisce a tutti gli imprenditori interessati ad avviare la propria start-up o a definire una business strategy ottimale, una consulenza e un’assistenza specifica nelle pratiche burocratiche e commerciali;
  • assiste i propri clienti nella fase di analisi del mercato, nella predisposizione del business plan e nella ricerca delle risorse economiche necessarie per finanziare la start-up;
  • affianca la società in ogni fase dello sviluppo, consigliando le migliori strategie commerciali e legali da attuare.

Contattateci immediatamente ai numeri 0683521985 o 3711453121, oppure scriveteci all’indirizzo info@studiolegalecoscia.it per una consulenza specifica.

Potrebbero interessarti

28 Luglio 2021

La trasformazione da start-up a PMI innovativa

La trasformazione da start-up a PMI innovativa

15 Luglio 2021

Crowdfunding: perché è importante per una startup?

Crowdfunding: perché è importante per una startup?