“Nuove imprese a tasso zero”: finanziamenti per giovani e donne che sognano di avviare la propria impresa

Home Il Blog Incentivi per le imprese “Nuove imprese a tasso zero”: finanziamenti per giovani e donne che sognano di avviare la propria impresa

“Nuove imprese a tasso zero”: finanziamenti per giovani e donne che sognano di avviare la propria impresa

“Nuove imprese a tasso zero”: finanziamenti per giovani e donne che sognano di avviare la propria impresa

“Nuove imprese a tasso zero” è una misura agevolativa prevista dal MISE con Decreto n°140/2015, con una dotazione finanziaria di circa 150 milioni di euro, che finanzia a tasso zero progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro.

Chi sono i destinatari?

Il finanziamento è destinato sia alle imprese:

  • composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età, su tutto il territorio nazionale;
  • costituite in forma di società da non oltre 12 mesi dalla data di presentazione della domanda;

sia alle persone fisiche che intendano costituire una società avente gli stessi requisiti sopra descritti, entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Quali sono le attività finanziabili?

I progetti devono prevedere alternativamente iniziative in materia di:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • commercio di beni e servizi
  • turismo

Clicca qui per scoprire tutte le attività e le spese ammissibili.

A quanto ammonta il finanziamento e in quanto tempo va restituito?

Tale misura finanzia, a tasso zero, i progetti che prevedano spese fino a 1,5 milioni di euro, ma copre solo il 75% di quelle ammesse. Il 25% residuo, invece, deve essere ottenuto dalle imprese mediante risorse proprie o finanziamenti bancari.

Le imprese ammesse devono realizzare il piano di investimenti entro 24 mesi dalla firma del contratto. Una volta completato, è previsto un rimborso agevolato dell’importo ricevuto entro un massimo 8 anni, con pagamento di due rate semestrali posticipate.

Inoltre, le imprese beneficiarie possono realizzare i programmi di spesa sulla base di fatture di acquisto non quietanziate, consentendo tempi di realizzazione più rapidi e un impegno finanziario meno oneroso.

Clicca qui per consultare l’elenco delle banche aderenti.

Qual è il termine per presentare la domanda?

La domanda si presenta esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia. Essendo una misura a sportello, le domande sono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo e non ci sono graduatorie.

*****

Lo Studio legale Coscia, grazie alla competenza e all’esperienza in tema di consulenza alle imprese e assistenza nelle pratiche di ottenimento dei contributi e dei finanziamenti sia in ambito nazionale che europeo:

  • fornisce alle aziende, ai giovani e alle donne interessate ad ottenere i finanziamenti della misura “Nuove imprese a tasso zero”, tutte le informazioni in merito ai requisiti e alle modalità di accesso, valutando preventivamente la sussistenza dei presupposti necessari per ottenere il finanziamento;
  • assiste i propri clienti nella predisposizione della documentazione necessaria e nell’inoltro della stessa secondo le modalità previste nel bando;
  • gestisce la pratica sino alla conclusione della stessa;

Contattateci immediatamente al numero +39 3711453121 o via e-mail all’indirizzo info@studiolegalecoscia.it, per ottenere fino a 1,5 milioni di euro per la vostra impresa!

Potrebbero interessarti

13 Novembre 2022

Incentivi nazionali per start-up e PMI: la guida aggiornata a novembre 2022

Incentivi nazionali per start-up e PMI: la guida aggiornata a novembre 2022

5 Novembre 2022

“Concerie”: l’incentivo per le imprese conciarie che intendano accrescere la propria competitività

“Concerie”: l’incentivo per le imprese conciarie che intendano accrescere la propria competitività

1 Ottobre 2022

Incentivi nazionali per start-up e PMI: la guida aggiornata ad ottobre 2022

Incentivi nazionali per start-up e PMI: la guida aggiornata ad ottobre 2022