I diritti dei passeggeri e gli obblighi del vettore nel trasporto ferroviario

Home Il Blog Diritto del Turismo e dei Trasporti I diritti dei passeggeri e gli obblighi del vettore nel trasporto ferroviario

I diritti dei passeggeri e gli obblighi del vettore nel trasporto ferroviario

I diritti dei passeggeri e gli obblighi del vettore nel trasporto ferroviario

Nella giornata di ieri, 17 luglio 2017, il Frecciarossa Salerno-Milano n°9514 è rimasto bloccato per oltre tre ore all’interno di una galleria, nel tratto tra Castello e San Piero a Sieve, e poi trainato da un altro locomotore nella stazione di Firenze – SMN.

Sulla base delle ricostruzioni dei passeggeri a bordo, sembra che il treno sia rimasto al buio e senza aria condizionata, a causa dell’assenza dell’elettricità, e nessun operatore abbia informato i passeggeri sulle reali cause che avevano determinato l’arresto del treno, né abbia offerto loro assistenza durante l’attesa.

Questo caso fa sorgere alcune domande: quali sono i diritti dei passeggeri e gli obblighi del vettore?  In caso di ritardo all’arrivo, i primi possono chiedere al secondo il rimborso del biglietto? In caso di danni subiti durante il viaggio, il passeggero può chiedere il relativo risarcimento?

I diritti e gli obblighi dei passeggeri e del vettore ferroviario

Come già accennato nel precedente articolo, riguardante la normativa internazionale sui diritti dei viaggiatori, i diritti e gli obblighi dei passeggeri sono disciplinati dal Reg. CE n°1371/2007 e dalla Convenzione di Berna (o COTIF) del 9/05/1980 – rispettivamente in ambito europeo ed internazionale – nonché dalle leggi nazionali e regionali di ogni Stato.

In questa sede analizzeremo i diritti e gli obblighi prescritti solo dalla normativa internazionale ed europea, validi in tutti i Paesi firmatari della Convenzione di Berna o appartenenti all’Unione Europea.

I diritti e gli obblighi dei passeggeri

I passeggeri, per poter usufruire del trasporto ferroviario e dei relativi diritti, hanno l’obbligo di:

  • acquistare il titolo di viaggio (biglietto, abbonamento, pass, ecc.), che costituisce prova della stipulazione del contratto di trasporto dell’accettazione delle relative condizioni generali;
  • conservarlo durante il viaggio ed esibirlo a richiesta del controllore, pena l’interruzione della prestazione (e il conseguente obbligo di scendere alla stazione successiva);
  • rispettare le condizioni generali di trasporto.

Di contro, l’acquisto del titolo di viaggio determina in favore dei passeggeri la sussistenza di diritti simili a quelli previsti nel trasporto aereo e marittimo, con conseguente obbligo, a carico del vettore ferroviario, di garantirne l’applicazione:

  • il diritto all’informazione;
  • diritto all’assicurazione sul viaggio, a carico delle imprese ferroviarie;
  • diritto all’assistenza, da parte dei soggetti con disabilità;
  • il diritto all’indennizzo e all’assistenza in caso di ritardo del treno;
  • il diritto al risarcimento in caso di danni al passeggero e/o ai beni trasportati.
Gli obblighi a carico del vettore ferroviario

La sussistenza dei diritti sopra elencati, come accennato, determina a carico del vettore ferroviario il corrispondente obbligo di garantirne l’applicazione.

In particolare:

  • in caso di RITARDO, il vettore è obbligato a fornire ai passeggeri:
    • assistenza: pasti, bevande gratuite in caso di ritardo superiore ad un’ora e – eventualmente – il pernottamento in un albergo nelle vicinanze;
    • un indennizzo pari al:
      • 25% del prezzo del biglietto, in caso di ritardo compreso tra 1 e 2 ore.
      • il 50% del prezzo del biglietto in caso di ritardo superiore a due ore.

Qualora i passeggeri decidano di interrompere il viaggio, in caso di ritardo prevedibile all’arrivo superiore a 60 minuti, potranno chiedere, alternativamente:

  1. il rimborso del prezzo del biglietto per la parte di viaggio non effettuata;
  2. di proseguire il viaggio o seguire un itinerario alternativo verso la destinazione finale, fermo restando il diritto all’indennizzo di una percentuale del prezzo del biglietto, calcolata sulla base del ritardo accumulato.

Tuttavia, essi non avranno il diritto all’indennizzo qualora il vettore li abbia informati del ritardo prima dell’acquisto del titolo di viaggio.

  • In caso di DANNI subiti da:
    • passeggeri, il vettore si presume responsabile e, di conseguenza, è obbligato a risarcirli, salvo il caso in cui dimostri che l’incidente sia stato determinato da:
      • cause estranee, inevitabili, nonostante l’uso dell’ordinaria diligenza;
      • colpa o comportamento anomalo del viaggiatore;
      • fatto del terzo inevitabile;
    • le cose trasportate: il Regolamento europeo sopra menzionato prevede che in caso di distruzione, perdita o danno, la compagnia abbia l’obbligo di risarcire il singolo passeggero fino a:
      • 40 D.S.P. (Diritti speciali di prelievo. 1 D.S.P. = 1,22 Euro) per ogni chilogrammo mancante o 600 D.S.P. per ogni collo in caso di bagaglio consegnato al vettore;
      • 700 D.S.P. in cado di bagaglio non consegnato.

IN SINTESI

I passeggeri in possesso di regolare titolo di viaggio hanno il diritto di ottenere dal vettore ferroviario la garanzia dei seguenti diritti, prescritti dalla normativa internazionale ed europea:

  • informazione;
  • assicurazione sul viaggio, a carico delle imprese ferroviarie;
  • assistenza in favore dei soggetti con disabilità;
  • indennizzo e assistenza in caso di ritardo del treno;
  • risarcimento in caso di danni al passeggero e/o ai beni trasportati.

Lo studio legale dell’Avvocato Coscia fornisce assistenza legale stragiudiziale e giudiziale a tutti i viaggiatori che ritengano di vantare a carico del vettore ferroviario il diritto all’indennizzo o al risarcimento dei danni subiti (dalla persona o dalle cose trasportate) in relazione al viaggio effettuato.

Potrebbero interessarti

1 Dicembre 2022

Diritti dei passeggeri. Qual è il tribunale competente?

Diritti dei passeggeri. Qual è il tribunale competente?

23 Ottobre 2022

Voli e compensazione pecuniaria: la Corte di Giustizia UE indica una via più rapida ed efficace

Voli e compensazione pecuniaria: la Corte di Giustizia UE indica una via più rapida ed efficace

16 Ottobre 2022

Vacanza rovinata, interruzione del viaggio e diritto al rimborso

Vacanza rovinata, interruzione del viaggio e diritto al rimborso

The passengers rights and the carrier’s obligations in the rail transport

Home Il Blog Diritto del Turismo e dei Trasporti I diritti dei passeggeri e gli obblighi del vettore nel trasporto ferroviario

The passengers rights and the carrier’s obligations in the rail transport

The passengers rights and the carrier’s obligations in the rail transport

Yesterday, 07.17.2017, Frecciarossa Salerno-Milano n ° 9514 has been blocked for over three hours inside a tunnel, in the section between Castle and San Piero a Sieve, and then hauled by another locomotor in Florence – SMN station.

Based on the reconstruction of the passengers on board, it seems that the train is left in the dark and without air conditioning, due to the absence of electricity, and no operator has informed the passengers about the real causes that had led to the arrest of the train, nor have offered their assistance while waiting.

This case raises a few questions: what are the rights of passengers and the obligations of the carrier? In case of late arrival, the former may ask according to the ticket refund? In the event of damage during the trip, the passenger may seek compensation for it?

The rights and obligations of passengers and the rail carrier

As mentioned in the previous article concerning the international law on the rights of travelers , the rights and obligations of passengers are governed by EC Reg. No. 1371/2007 and the Berne Convention (or COTIF) of 05.09.1980 – respectively, in Europe and internationally – as well as by national and regional laws of each state.

Here we analyze the rights and obligations prescribed only by the international and European law, valid in all signatory countries of the Convention of Bern or outside the European Union.

The rights and obligations of passengers

The passengers, to take advantage of rail transport and related rights, have the ‘ obligation to:

  • purchase the travel document (ticket, pass, pass, etc.), which is evidence of the conclusion of the contract of carriage of acceptance of its terms and conditions;
  • keep it on the trip and show it at the request of the controller, otherwise the interruption of the service (and the consequent obligation to get off at the next station);
  • comply with the general conditions of carriage.

Conversely, the purchase of the ticket in favor of passengers determines the existence of rights similar to those provided in the transport airplane  and maritime , resulting obligation for the rail carrier, to ensure their implementation:

  • all the ‘right information ;
  • Travel insurance entitlement, borne by the railway undertakings;
  • right to ‘ care , by individuals with disabilities;
  • the right to ‘ compensation and assistance in case of delay of the train;
  • the right to compensation in case of damage to the passenger and / or goods transported.
The obligations of the rail carrier

The existence of the rights listed above, as mentioned, determines a load of the rail carrier the corresponding obligation to ensure its implementation.

In particular:

  • in case of DELAY , the carrier is obliged to provide passengers:
    1. Service : meals, free drinks in case of delay of more than an hour and – possibly – the night in a nearby hotel;
    2. compensation equal to:
      • 25% of the ticket price, in case of delay of between 1 and 2 hours.
      • 50% of the ticket price in case of delay of more than two hours.

If passengers decide to break your journey , in case of expected arrival late more than 60 minutes, may request either:

  1. reimbursement of the ticket price for the part of the journey not made;
  2. the continuation or re-routing to the final destination, without prejudice to the right to compensation for a percentage of the ticket price, calculated based on the accumulated delay.

However, they will not be entitled to compensation if the air carrier informs them of the delay before the purchase of the ticket.

  • If DAMAGES suffered by:
    1. the passengers , the carrier shall be presumed responsible and, therefore, is obliged to compensate them, unless it proves that the accident was due to:
      • extraneous causes, which are inevitable, despite the use of ordinary diligence;
      • fault or abnormal behavior of the traveler;
      • the third party inevitable;
    2. the goods transported : the European Regulation mentioned above provides that in case of destruction, loss or damage, the airline is obliged to compensate the single passenger to:
      • 40 SDR (Special Drawing Rights. DSP 1 = 1.22 euros) per kilogram or 600 SDRs for each package in case of checked baggage to the carrier;
      • 700 DSP in the fall not to checked baggage.

IN SUMMARY

Passengers in possession of valid travel document has the right to obtain from the rail carrier guarantees the following rights prescribed by international and European legislation:

  • information ;
  • travel insurance, paid by the railway companies;
  • assistance  in favor of persons with disabilities;
  • compensation and assistance in case of delay of the train;
  • compensation in case of damage to the passenger and / or goods transported.

The law firm provides legal assistance Advocate Coscia judicial and extrajudicial all travelers who feel they boast borne by the rail carrier the right to ‘ compensation or damages suffered (the person or property carried) in relation to the voyage performed .

Potrebbero interessarti

27 Maggio 2020

Refund in cash or voucher: the EC reiterates the right of choice of passengers

Refund in cash or voucher: the EC reiterates the right of choice of passengers

25 Febbraio 2019

Interview on 16 February during the episode of the TV program “Words of Women”

Interview on 16 February during the episode of the TV program “Words of Women”