Istituito dal MISE il Registro speciale dei marchi storici d’interesse nazionale

Home Il Blog Diritto della Proprietà intellettuale ed industriale Istituito dal MISE il Registro speciale dei marchi storici d’interesse nazionale

Istituito dal MISE il Registro speciale dei marchi storici d’interesse nazionale

Istituito dal MISE il Registro speciale dei marchi storici d’interesse nazionale

Il MISE ha comunicato sul proprio sito internet che dal 16/04/2020, tramite il portale https://servizionline.uibm.gov.it, un’impresa produttiva nazionale di eccellenza, storicamente collegata al territorio nazionale, può presentare l’istanza di iscrizione del proprio marchio al Registro speciale dei marchi storici d’interesse nazionale.

Cos’è un marchio storico d’interesse nazionale? Chi sono i destinatari?

Secondo l’art. 11 ter del CPI, è un marchio utilizzato da una micro, piccola o media impresa produttiva, storicamente collegata all’Italia, per la commercializzazione di prodotti o servizi dalla stessa realizzati, purché esso:

  • sia registrato da almeno 50 anni e rinnovato con continuità nel tempo;
  • se non registrato, sia stato utilizzato in modo effettivo e continuativo da almeno 50 anni.

L’unico soggetto autorizzato a presentare l’istanza di registrazione del marchio è il titolare del medesimo, il licenziatario (con l’assenso del primo) o un loro rappresentante, abilitato ai sensi dell’art. 201 del CPI  (un Avvocato iscritto all’albo o un consulente della P.I.).

Quali sono le tempistiche di esame della domanda? Qual è la durata dell’iscrizione?

In seguito alla presentazione della domanda, l’U.I.B.M. verifica le suddette condizioni in un tempo massimo di 60 giorni, in caso di marchio registrato, o di 180 giorni, in caso di marchio non registrato.

In caso di accoglimento della domanda d’iscrizione, il marchio storico avrà durata illimitata, senza la necessità di un rinnovo periodico da parte del titolare/licenziatario.

In cosa consiste il marchio e come può essere utilizzato? Quali sono i vantaggi commerciali?

In caso di accoglimento della domanda, l’impresa potrà affiancare al proprio marchio il logo creato dal MISE con Decreto del 10/01/2020 (l’immagine del presente articolo) e utilizzarlo per finalità commerciali e promozionali unicamente per i prodotti per cui sia stata richiesta la registrazione.

Lo scopo ultimo è quello di valorizzare il marchio di imprese che, da oltre 50 anni, operano con successo nei rispettivi settori produttivi e siano collegate storicamente al nostro Paese, nonché di ottenere vantaggi commerciali grazie ad un logo che rimandi all’eccellenza e al prestigio dei prodotti italiani.

*****

Il nostro Studio, grazie al team di professionisti specializzati nel Diritto della Proprietà Intellettuale:

  • fornisce alle aziende interessate tutte le informazioni in merito ai requisiti e alle modalità di presentazione dell’istanza di registrazione, valutando preventivamente la sussistenza dei presupposti necessari per l’accoglimento della stessa.
  • assiste i propri clienti nella predisposizione della documentazione necessaria e nell’inoltro della stessa tramite il canale online dell’UIBM.
  • gestisce la pratica sino alla positiva conclusione della stessa;
  • fornisce consulenza e assistenza legale in merito allo sviluppo e allo sfruttamento commerciale del marchio storico dell’impresa.

Contattateci immediatamente al numero +39 3711453121 o via e-mail all’indirizzo info@studiolegalecoscia.it, per registrare il vostro marchio storico d’interesse nazionale!

Potrebbero interessarti

30 Luglio 2020

Bando “Brevetti +”: incentivi alle imprese per lo sfruttamento economico dei brevetti

Bando “Brevetti +”: incentivi alle imprese per lo sfruttamento economico dei brevetti

30 Luglio 2020

Bando “Disegni + 4”: dal 14/10/2020 è possibile inoltrare le richieste di agevolazioni

Bando “Disegni + 4”: dal 14/10/2020 è possibile inoltrare le richieste di agevolazioni

30 Luglio 2020

Bando “Marchi+3”: dal 30/09/2020 è possibile inoltrare le richieste di agevolazioni

Bando “Marchi+3”: dal 30/09/2020 è possibile inoltrare le richieste di agevolazioni